Successo e applausi per la bella iniziativa del Concerto di Natale a “Coristi unificati”, che si è svolto in parrocchia la sera di giovedì 20 dicembre. Molti componenti delle corali che animano la liturgia nelle diverse Messe della domenica hanno scelto infatti di mettere insieme le loro voci, sotto la direzione di Giulia Evangelisti, per proporre ai parrocchiani un repertorio di canti della tradizione natalizia, con l’accompagnamento di organo e flauto. Da “O magnum Mysterium” al “Piccolo suonatore di Tamburo”, da “Adeste Fideles” a “Stille Nacht” (che proprio quest’anno ha compiuto 200 anni dalla sua composizione), da “The First Noel” a “In Notte Placida”, passando per “Gaudete”, “Gloria in excelsis Deo” e gli immancabili “White Christmas” e “Tu scendi dalle stelle”, è stato tutto un crescendo di atmosfere ed emozioni, quasi una lunga e piacevole “ninna nanna” cantata idealmente davanti alla Grotta di Betlemme.

Il parroco di San Pio V, don Donato Le Pera, nel suo saluto finale, ha lodato l’iniziativa e con una battuta ha definito “un miracolo” l’essere riusciti a mettere insieme le diverse anime musicali della parrocchia. “Grazie per questo vostro impegno – ha aggiunto – che fa crescere la comunione nella nostra comunità”.

Tutti ben calati nei loro ruoli i coristi, i musicisti (Luis Carbajal all’organo, Paola Malfatti al flauto), i solisti (il tenore Fabio Massimo Aureli, i soprani Luciana Miari, Irene Castaldo e Giulia Pascucci) e la direttrice Giulia Evangelisti, cui si deve anche l’ideazione e la supervisione artistica del concerto.

 

Mimmo Muolo

Foto

 

Madonna del Riposo, guariscici, o almeno dacci una tregua. Accoglici in braccio come qui fai con tuo Figlio.
Tutti nel dolore ridiventiamo bambini. Continua a sorriderci, o Maria, perché non ci perdiamo nel buio.

 

 

  • Editoriale

    • Tra vicinanza e distanza

      Tra vicinanza e distanzaStiamo con fatica imparando quello che prima era automatico: il giusto rapporto tra vicinanza e distanza di sicurezza. Salvarci dagli altri per salvare gli altri da noi. È talmente inserito nel nostro DNA il bisogno di incontro, di abbraccio, di contatto, che ci è difficile pensare che siamo frutto anche del distacco: dal grembo materno, da casa, dall'infanzia. Senza contatti non possiamo...

      Leggi Tutto

  • Documenti

    • Foto Gallery
      Vai alla sezione Documenti per leggere e scaricare testi e documenti

Evento


  

Da lunedì 18 maggio riprendono

le Messe con la presenza di fedeli

secondo gli orari e le prescrizione riportati sotto
Restano sospesi gli incontri del catechismo e di tutti i gruppi

 

  

  

  

Avvisi della Settimana