Ospedale. Tempi giornalieri vissuti al ritmo dei farmaci da assumere, delle analisi da fare, delle lastre, della visita del medico, delle medicine…

Tutto arriva mentre leggi, mentre mangi, mentre preghi.

Sei un ”paziente”. Con un numero. Qualche infermiere si ricorda che hai anche un nome. Di te interessa quasi solo la tua malattia. E così finisci a volte per crederci anche tu. Quasi diventi la tua malattia. Cominci la mattina presto i tuoi pensieri, quasi non riesci a pensare ad altro. Ti imponi un atteggiamento diverso ma quasi sempre non ci riesci. Cerchi di cambiare, di pensare alla tua vita spirituale, leggi. Ma spesso non ce la fai ad allontanare l’ospedale dal tuo cervello.

E poi ancora nell’ospedale ci sono le “competenze”. Se chiedi a un inferniere che ti fa un prelievo il piacere di raccogliere un libro che ti è caduto, non lo fa. Ti risponde: non è mia competenza. Non è che Adam Smith si è allargato un po’ troppo con le sue idee liberiste? Boh!

Ore 18. Arriva la cena! Questa è la regola.

E questa è la mia esperienza.

Rachele Filippetto

Foto

 Cristo vive! Egli è speranza e giovinezza per ognuno di noi e per il mondo intero.
Lasciamoci rinnovare da Lui! 
(Papa Francesco)

 

 

  • Editoriale

    • E' risorto!

      E' risorto!Certo, ci vuole la fede. E mai come a Pasqua bisogna tirar fuori la fede, non una vaga religiosità di facciata. No, non è affatto facile credere a Pasqua. Sempre che si comprenda veramente che cosa è successo quel mattino, in quell’orto. E quali conseguenze ha per noi il fatto che Cristo ha scrollato quel macigno, l’ha fatto rotolare via e ha lasciato il sepolcro. A Pasqua niente sta più al suo...

      Leggi Tutto

  • Documenti

    • Foto Gallery
      Vai alla sezione Documenti per leggere e scaricare testi e documenti

Evento

                                   

                                               

  

Avvisi della Settimana

  


 

Gruppo "60 anni e più"
mercoledì 22 maggio (tutta la giornata)
gita a Santa Severa