(Mt 25,1-13) In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola:«Il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini che presero le loro lampade e uscirono incontro allo sposo. Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; le stolte presero le loro lampade, ma non presero con sé l’olio; le sagge invece, insieme alle loro lampade, presero anche l’olio in piccoli vasi. Poiché lo sposo tardava, si assopirono tutte e si addormentarono. A mezzanotte si alzò un grido: “Ecco lo sposo! Andategli incontro!”. Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. Le stolte dissero alle sagge: “Dateci un po’ del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono”. Le sagge risposero: “No, perché non venga a mancare a noi e a voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene”. Ora, mentre quelle andavano a comprare l’olio, arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: “Signore, signore, aprici!”. Ma egli rispose: “In verità io vi dico: non vi conosco”. Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora».

 

Gesù che dice “non sapete né il giorno né l’ora” risulta scomodo, quasi incomprensibile. L’ora di cosa? A noi risulta già difficile sopportare il ritardo di un autobus o del pacco che dovrebbe arrivare per posta, o sapere perché la fila alla posta non si muove, figuriamoci pensare di calcolare in tutto e per tutto quello che ci succederà alla fine dei nostri giorni sulla terra.

È l’incontro con lo sposo, ci dice il Vangelo. L’incontro con la Sapienza, suggerisce la prima Lettura di oggi. Perché la questione è proprio questa: il regno di Dio, il mondo come Dio lo vuole è simile a gente che esce per andare incontro. Tutti noi conosciamo la gioia di incontrare le persone che amiamo. Questa nostra vita, appassionata ed amata è un andare incontro.

Andare incontro allo sposo che viene nella notte, che viene come saggezza del vivere. Uscire e affrontare spazi aperti. Sappiamo quanto questo sia difficile nel tempo che viviamo. Ma proprio per questo ci servono lampade, perché possiamo essere presenze luminose nel buio della vita. Non esperti di notte, ma di luce. Capaci di parlare di un’alba che arriva, nonostante le tenebre in cui camminiamo.

Invito all'incontro e invito a rimanere accesi, come lampade. La parabola è tutta qui. Una vita accesa o una vita spenta. Ma come si mantengono accese le lampade?

La parabola aggiunge: tutte quelle ragazze si addormentano, le stolte e le sagge. Perché la fatica di vivere, di credere, porta tutti a momenti di scoraggiamento, di abbandono, di sonno. Il vero problema è risvegliarsi alla voce di mezzanotte, al grido che indica lo sposo, ravvivare il cuore e andare. Non importa, (o meglio, metti in conto che) se ti addormenti, se ti stanchi, se la tua vita sembra appassire. Dio è una voce che ti risveglia.

Allora la fede sarà sempre vivere di fiducia e riconoscere il cammino da fare, le tue buone opere saranno la luce che accende la tenebra.

Don Donato

Foto

 

Madonna del Riposo, guariscici, o almeno dacci una tregua. Accoglici in braccio come qui fai con tuo Figlio.
Tutti nel dolore ridiventiamo bambini. Continua a sorriderci, o Maria, perché non ci perdiamo nel buio.

 

 

  • Editoriale

    • Il nuovo Messale

      Il nuovo MessaleQuello che è stato pubblicato non è un nuovo messale ma una revisione in italiano “dell’edizione tipica” (si chiama così il testo base latino del 2002) latina. Entrerà in vigore a Pasqua del 2021 ma già alcune regioni anticipano l’uso dalla prima Domenica d’Avvento di quest’anno. Bisogna fare l’orecchio ad alcune modifiche, che in alcuni casi adeguano il testo biblico alla traduzione della...

      Leggi Tutto

  • Documenti

    • Foto Gallery
      Vai alla sezione Documenti per leggere e scaricare testi e documenti

Evento

  

Cambia il Messale
Da domenica 29 novembre, Prima di Avvento,
verrà adottato il nuovo Messale Romano
che prevede una nuova versione in italiano.

scarica qui il foglio con le principali novità

 

 

  

Avvisi della Settimana

Cari Parrocchiani, nel mese di novembre vi invitiamo
a partecipare alla S. Messa delle ore 19,

che sarà celebrata in ricordo dei defunti delle famiglie della Parrocchia, distribuite via per via.
Ecco il calendario completo delle intenzioni di questa settimana:

domenica 29: per i Pontefici defunti
lunedì 30: per le vittime della pandemia

NOVENA DELL'IMMACOLATA
da lunedì 30 novembre
ROSARIO MEDITATO
ogni sera alle 18.30

 

venerdì 4 dicembre (primo del mese)

 

 “Sulla bacheca in fondo alla chiesa è pubblicato
il resoconto amministrativo della parrocchia per il 2019.

Grazie per la vostra generosità con cui fate andare avanti la parrocchia.
Infatti non ci sono entrate se non attraverso le offerte dei fedeli!”

 

  Iscrizioni per il corso di preparazione al matrimonio
Informazioni in segreteria

 

APPELLO

La Caritas diocesana ha aperto una struttura per persone senza dimora
non lontano da noi (in Via Aurelia prima del Raccordo).
Chi desidera fare volontariato può rivolgersi a don Donato.