Il suo canto sembra provenire da miti antichi, affondati nella cultura della Magna Grecia e mischiati alle espressioni popolari forti e tragiche della terra di Sicilia.

È un canto melodioso che penetra nelle coscienze di chi ascolta e racconta vicende di oggi, in cui la storia antica di quest’isola, porta d’Italia e d’Europa, si è unita negli ultimi decenni a quella nuova e dolorosa degli sbarchi di gente africana che scappa dalla miseria e dalle dittature.

Nel canto di Giacomo Sferlazzo, un cantautore lampedusano che abbiamo ascoltato in questi giorni a Roma, c’è la tragedia degli arrivi di questa gente disperata che è riuscita a sbarcare, l’odore di morte delle migliaia che hanno avuto invece il mare come tomba, il grido di “Libertà!” che si unisce a quello dei lampedusani, accomunati in queste occasioni dallo stesso desiderio di sperare, nonostante tutto, in una società più giusta e libera.

Si percepisce anche, come è veramente successo nella realtà di questa gente di mare abituata da secoli ad accogliere profughi di tutte le razze e religioni, l’esercizio concreto, in questi nostri tempi, di una “pietas” romana ma soprattutto cristiana. Come essi stessi ci hanno confermato, questi sono i veri motivi che hanno fatto scattare accoglienza, aiuti e conforto per i profughi in questi abitanti, in maniera impensabile nella nostra società dove la parola “fraternità” viene spesso dimenticata. Virtù antica e sempre nuova che ancora è presente in maniera massiccia in quella popolazione, anche se spesso dimenticata o distorta dalla grande stampa.

Ecco alcune delle parole delle canzoni di Giacomo Sferlazzo

 

LIBERTÀ!

“Aprirono le porte del Centro e uscirono uomini gridando

E noi in piazza a contemplare il rumore del regime e del mare

E quando arrivarono gridando il grido fu di un unico lamento

E quel che volevano fosse il terrore

Lo trasformammo in smisurato amore

E quel che volevano fosse infranto

Lo trasformammo in miracoloso canto

Libertà Libertà!“

 

IO NON HO PAURA

Che i tuoi occhi siano verdi o blu, che tu preghi Maometto o Gesù

Proveniamo dalla stessa forza che anima il vento che brucia nel sole

Siamo la stessa polvere che vaga nell’universo in attesa d’amore.

Che tu venga dal nord o dal sud, che tu parli il francese o l’indù

Respiriamo la stessa aria lo stesso gas lo stesso profumo

Combattiamo lo stesso sistema che in nome dei soldi è pronto a qualsiasi tortura

Io non ho paura, io non ho paura!

 

http://giacomosferlazzoilfigliodiabele.wordpress.com/

 

Rachele Filippetto

Foto

 

Madonna del Riposo, guariscici, o almeno dacci una tregua.
Accoglici in braccio come qui fai con tuo Figlio. Tutti nel dolore ridiventiamo bambini.
Continua a sorriderci, o Maria, perché non ci perdiamo nel buio.  

 

 

  • Editoriale

    • Il nuovo Messale

      Il nuovo MessaleQuello che è stato pubblicato non è un nuovo messale ma una revisione in italiano “dell’edizione tipica” (si chiama così il testo base latino del 2002) latina. Entrerà in vigore a Pasqua del 2021 ma già alcune regioni anticipano l’uso dalla prima Domenica d’Avvento di quest’anno. Bisogna fare l’orecchio ad alcune modifiche, che in alcuni casi adeguano il testo biblico alla traduzione della...

      Leggi Tutto

  • Documenti

    • Foto Gallery
      Vai alla sezione Documenti per leggere e scaricare testi e documenti

Evento

  

Cambia il Messale
Da domenica 29 novembre, Prima di Avvento,
verrà adottato il nuovo Messale Romano
che prevede una nuova versione in italiano.

scarica qui il foglio con le principali novità

 

 

  

Avvisi della Settimana

 

 lunedì 18 e martedì 19 riprende il catechismo

 

18-25 gennaio

 
clicca sull'immagine per scaricare il testo delle preghiere

 

 

APPELLO

La Caritas diocesana ha aperto una struttura per persone senza dimora
non lontano da noi (in Via Aurelia prima del Raccordo).
Chi desidera fare volontariato può rivolgersi a don Donato.