Siamo nati per essere felici. A tutto si può rinunciare tranne che alla felicità. In caso contrario non vale la pena vivere. Per questo la vita è una continua ricerca.

Solitamente si parla di piena realizzazione di se stessi ma il nocciolo del problema è quello di cercare continuamente finche non si trova la soddisfazione dei nostri desideri  a cui corrisponde la felicità. La vita è affannosa ricerca, sempre più, sempre più. C'è una spiegazione  a di tutto questo. Colui che ci ha creati è un abilissimo architetto e ci anche “programmati” per essere felici. Addirittura ci ha predestinati ad “essere ricolmi di tutta la pienezza di Dio”, somma felicità.  Questo è l'ambizioso destino di ogni  uomo. S.Agostino, che aveva trovato la felicità, ci dice con chiarezza: “Ci hai fatti per te, o Signore, e il nostro cuore è inquieto finchè non riposa in te”.

Ecco la ragione della dimensione  infinita della nostra felicità: il suo oggetto è Dio stesso. Ma è possibile raggiungere Dio? Non è un'utopia? Assolutamente no. Tutte le religioni propongono questo ed offrono i mezzi per realizzarlo. Se solo Dio è la vera felicità vuol dire che questa  non può essere che un dono e, come tutti i doni, per riceverlo bisogna essere umili. Soltanto i mendicanti ricevono i doni, i regali, e la più profonda umiltà è quella di accettare di diventare Dio. Infatti quando saremo diventati Lui saremo felici . Questa è la ragione  della continua ansia di felicità che solitamente si cerca nelle cose  limitate. Siamo programmati per l'infinito, per l'eterno e solo Dio può soddisfarlo. E dobbiamo precisare che  l'eternità non esiste. E' l'Eterno che esiste.

L'eternità non è uno stato ma una relazione, non un sentimento oceanico ma l'incontro dell'Altro. Ed è proprio nell'incontro col il Vero Altro, il principio  della nostra relazione con   gli altri e da cui deduciamo la nostra responsabilità nei loro confronti. Il Paradiso non ha niente di isolato nè di privativo ma è sempre una comunione di persone. L'eterno non è un termine ma l'origine di tutte le cose .

Quando vado verso di Lui non mi separo dagli altri, al contrario, cerco di risalire verso la sorgente e riesco a gioire nel cuore ed essere in comunione con tutti nella verità dell'amore. Ecco perché Francesco d'Assisi sintetizza la sua vita nel “mio Dio, mio Tutto” e per questo è il Santo della “Perfetta letizia”, il Fratello universale degli uomini e delle cose. Predica agli uccelli,  incontra il lupo, chiama sorella anche la morte perché, possiede Dio diventando fratello di tutto il creato. Ha il cuore dilatato ad  una dimensione  universale per questo possiede quella felicità che non ha limiti, è colmo della pienezza di Dio. L'itinerario verso la felicità è  tracciato.  Basta aver chiaro come siamo programmati. L'immagine da realizzare è Gesù Cristo.  E' Lui l'immagine del Dio invisibile che dobbiamo ricopiare per essere perfetti. La fede in Lui lo rende presente  nel nostro cuore e ne amplifica la capacità di amore. Amando si cresce anche nella conoscenza di Lui, siamo introdotti in quella   Sapienza che supera ogni scibile e si è ricolmati di ogni pienezza di Dio. E’ la felicità.

La festa di tutti i Santi ci ricorda che siamo chiamati alla Santità. L'ideale che il Signore  Gesù ci ha proposto è altissimo: “Siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste”. La grande novità del Concilio Vaticano II è stata proprio quella di proclamare  la vocazione universale  alla santità che non può essere soltanto un'ambizione dei pochi che scelgono una vita diversa da quella comune, abitando eremi o monasteri e scegliendo la vita del convento. Assolutamente no. Anche le famiglie devono santificarsi e gli sposi devono  farsi santi insieme. Il Concilio continua dicendo che “la santità promuove nella stessa società terrena un tenore di vita più umano”. Che non sia la mancanza di santità uno dei problemi  dell'imbarbarimento della società ? Ogni ideale dell'uomo, se non è sublime ed eterno, è, per sua natura, effimero e insoddisfacente. Solo la santità corrisponde al quel progetto che Dio aveva quando ci ha creati e dalla realizzazione di esso dipende la  felicità personale  e il benessere di tutti.

Don Donato

Foto

 

Dio non si è stancato di noi.
Accogliamo la Quaresima come il tempo forte in cui la sua Parola ci viene nuovamente rivolta:
«Io sono il Signore, tuo Dio, che ti ho fatto uscire dalla terra d’Egitto, dalla condizione servile» (
Es 20,2).
È 
tempo di conversione, tempo di libertà

(Papa Francesco)


 

 

 

  • Editoriale

    • Convertiti e credi al Vangelo

      Convertiti e credi al VangeloLa Quaresima è un'occasione unica per fare la verità con noi stessi. Prendere coscienza che siamo dei peccatori. Cosa vuol dire? Non che abbiamo commesso dei peccati ma che siamo radicalmente dei peccatori. Un giorno un frate stupito del successo che aveva San Francesco gli chiese perché tanta gente lo seguisse. "Perché sono il più peccatore di tutti gli uomini", rispose. Possibile? Eppure non...

      Leggi Tutto

  • Documenti

    • Foto Gallery
      Vai alla sezione Documenti per leggere e scaricare testi e documenti

Evento



   

Avvisi della Settimana

venerdì 1 marzo (primo del mese)
 

 

da lunedì 26 febbraio
Benedizioni pasquali nelle case