(Mt 5,13-16) In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Voi siete il sale della terra; ma se il sale perde il sapore, con che cosa lo si renderà salatoì A null’altro serve che ad essere gettato via e calpestato dalla gente. Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città che sta sopra un monte, né si accende una lampada per metterla sotto il moggio, ma sul candelabro, e così fa luce a tutti quelli che sono nella casa. Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli».

 

Un Dio che dice: «voi siete la luce del mondo» è un Dio che non ha paura dei nostri sbagli e delle nostre inadempienze, è un Dio che ci dà un compito commisurato alla fiducia che pone in noi; vien da dire: Lui Luce in se stesso si accontenta di poco, delle nostre piccole luci. Noi siamo le lucerne che Egli mette nel mondo, «davanti agli uomini», piccoli segnali, simili a paracarri luminosi nella notte, per segnare la direzione, per indicare quale sia la strada che porta a Lui.

Se noi, che osiamo parlare di Lui, spegniamo la lucerna, il mondo ha una zona in più nelle tenebre. Sì, andare per il mondo come sue piccole luci è una grande responsabilità, ma anche una sorpresa. E se Lui si accontenta del nostro essere luce, perché noi stessi non possiamo confidare? Perché non possiamo «permetterci» di essere la luce del mondo? Perché i genitori non possono essere contenti di essere la luce per quel piccolo mondo che è la famiglia?

Alla lucerna basta bruciare: bruciando illumina. A noi basti avere un cuore ardente. Non preoccupiamoci di quanti riusciamo a illuminare. Non conta essere visibili o rilevanti, essere guardati o ignorati, ma essere luce; a noi basti spezzare il pane ed esporci alla luce di Cristo; a noi basti fare alleanza con ogni creatura. E saremo semplicemente noi stessi, un cuore di luce, e riusciremo semplicemente a vivere accesi.

Don Donato

Foto

 

Madonna del Riposo, guariscici, o almeno dacci una tregua. Accoglici in braccio come qui fai con tuo Figlio.
Tutti nel dolore ridiventiamo bambini. Continua a sorriderci, o Maria, perché non ci perdiamo nel buio.

 

 

  • Editoriale

    • Tra vicinanza e distanza

      Tra vicinanza e distanzaStiamo con fatica imparando quello che prima era automatico: il giusto rapporto tra vicinanza e distanza di sicurezza. Salvarci dagli altri per salvare gli altri da noi. È talmente inserito nel nostro DNA il bisogno di incontro, di abbraccio, di contatto, che ci è difficile pensare che siamo frutto anche del distacco: dal grembo materno, da casa, dall'infanzia. Senza contatti non possiamo...

      Leggi Tutto

  • Documenti

    • Foto Gallery
      Vai alla sezione Documenti per leggere e scaricare testi e documenti

Evento


  

Da lunedì 18 maggio riprendono

le Messe con la presenza di fedeli

secondo gli orari e le prescrizione riportati sotto
Restano sospesi gli incontri del catechismo e di tutti i gruppi

 

  

  

  

Avvisi della Settimana